Giulio Iacchetti è il nuovo direttore artistico dell’azienda

dnd è lieta di comunicare che Giulio Iacchetti è il nuovo direttore artistico dell’azienda: un passo importante, un segnale forte, un impegno concreto per guardare al mondo del miglior progetto.

Designer italiano di fama internazionale, vincitore di due premi Compasso d’Oro, Iacchetti ha iniziato a collaborare con dnd progettando la maniglia Ginkgo/Ginkgo Biloba: presentata con successo a Milano al MADE pochi mesi fa, è oggi in produzione e in distribuzione.

Il lavoro di Giulio Iacchetti riguarderà la cura e la selezione dei progetti di dnd, il coinvolgimento di progettisti di valore dal mondo del design e dell’architettura e quanto necessario per un buon posizionamento dell'azienda nel suo settore di riferimento a livello internazionale.

I primi passi dell'incarico di Giulio Iacchetti sono già in atto: l'importante coinvolgimento di Leonardo Sonnoli per la direzione creativa dell'immagine aziendale e quello di primi progettisti per disegnare nuove maniglie, la costituzione di nuove partnership per lo sviluppo di progetti congiunti, il pensiero rivolto al Salone del Mobile 2018: sfide e impegni creativi importanti, definiti nella coerenza della radicale posizione di Iacchetti sulla direzione artistica, che per lui significa sempre apertura e coinvolgimento – e non occupazione stretta di tutti gli spazi creativi dell'azienda. Un metodo e un pensiero che dnd è felice di accogliere, condividere e sviluppare negli anni a venire.

 

Giulio Iacchetti

Industrial designer dal 1992, progetta per diversi marchi, tra cui Abet Laminati, Alessi, Coop, Danese, Foscarini, Casamania, Globo Ceramiche, Jannelli&Volpi, Dorelan, Magis, Meritalia, Moleskine, Pandora design, Fontana Arte, Grom. Tra i suoi caratteri distintivi c’è la ricerca e la definizione di nuove tipologie oggettuali, come ad esempio “Moscardino”, posata multiuso biodegradabile disegnata con Matteo Ragni per Pandora design – premiata nel 2001 con il Compasso d’Oro. Nel 2009 è stato insignito del Premio dei Premi per l’innovazione conferitogli dal Presidente della Repubblica Italiana per il progetto Eureka Coop, con cui ha portato il design nella grande distribuzione organizzata. Nel maggio 2009 la Triennale di Milano ha ospitato una sua mostra personale, “Giulio Iacchetti. Oggetti disobbedienti”. Nel novembre 2012 ha lanciato Internoitaliano, una realtà di “fabbrica diffusa” fatta di tanti laboratori artigiani e diversi progettisti. Nel 2014 ha vinto il suo secondo Compasso d’Oro per la serie di tombini “Sfera”, disegnata con Matteo Ragni per Montini. Cura inoltre i contenuti di libri ed esposizioni, tra cui la mostra “Razione K. Il pasto del soldato in azione” alla Triennale di Milano (Gennaio 2015).